Lavori in casa più facili, arriva la lista delle opere senza permessi

Arriva, dopo un anno d’attesa, il glossario dei lavori che potranno esser svolti in edilizia libera e per i quali, quindi, non sarà necessario chiedere autorizzazione preventiva.

Durante la Conferenza Unificata Stato Regioni del 22 febbraio 2018 è stata infatti raggiunta l’intesa sul decreto del MIT con l’elenco dei lavori in edilizia per i quali non sarà necessario effettuare alcuna comunicazione e non sarà necessario aprire Scia, Cila o Cil e richiedere il permesso di costruzione.

Si tratta di quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 222 del 2016, il quale demandava ad un apposito decreto da emanare entro il 9 febbraio 2017 di stilare il glossario dei piccoli lavori di manutenzione per i quali non sarà più necessario effettuare alcuna comunicazione al Comune.

La lista, composta da 58 tipologie di intervento rientranti in 12 categorie di lavori, è aperta a integrazioni e prevede che, ad esempio, non bisognerà più chiedere autorizzazione preventiva per lavori di manutenzione ordinaria come quelli di riparazione, sostituzione e rinnovamento della pavimentazione interna ed esterna, per gli impianti elettrici o ad esempio per lavori di rimozione delle barriere architettoniche e l’installazione di ascensori e montacarichi ma anche per Pannelli solari, condizionatori e cappotto termico, Infissi, inferriate e parapetti, Barriere architettoniche, Tende, gazebo e stalli per le bici.